Scuola Infanzia Comunale
"Maria Bondi"

 
 

Progettazione Educativa 2019/2020


PROGETTAZIONE EDUCATIVA -  SCUOLA INFANZIA MARIA BONDI,OREGINA

Anno scolastico 2019/2020

 

                                       TEMPO DI POSA: e già storia quel qualcosa!

 

                                                  

 

La progettazione educativa prende forma condividendo con il GRUPPO DI LAVORO personali riflessioni estive che nascono non dimenticando il concetto di LIBERTA’ che ha generato ENERGIA e desiderio di conquista al PENSIERO CREATIVO.

 

In tutte le esperienze passate e in special modo in LiberaMenteMagico ( titolo della progettazione dell’anno scorso ) i bambini ci hanno ricordato che nella volontà di COMUNICARE, MANIFESTARE e CREARE, i cambiamenti sono possibili.

Loro hanno un PUNTO DI FORZA che noi non possediamo più , ma che possiamo riconquistare se ci facciamo da loro prendere per mano .

Quale è questo punto di forza ?

Il loro PUNTO DI VISTA.

I loro occhi colgono l’essenziale e il bello di tutto ciò che ci circonda, perché lo fanno attraverso gli occhi del CUORE 

 

                      “Ecco il mio segreto. E’ molto semplice: non si vede bene che col cuore.                   

                                                      L’essenziale è invisibile agli occhi “

                                  

                                                       ( cit: Il Piccolo Principe, Saint Exupery)

                         

I bambini  dunque è come se possedessero un terzo occhio 

 

                                             

 

Questo terzo occhio ci ha accompagnate nell’osservazione di 

  • FOTO  personali , 
  • nel cogliere le tante FOTO che arricchiscono gli albi illustrati dei bambini ,
  •  la FOTO che accompagna quotidianamente le nostre attività e che abbelliscono gli SPAZI della scuola e i pannelli espositivi ( la fotografia che parla dei bambini documentando i tanti momenti della giornata educativa dove molto ruota intorno al GIOCO DEL TEATRO ), 
  • La FOTOGRAFIA che ti costringe a guardare e a non voltare la testa, a conoscere e  a non IGNORARE 

           

  • La straordinaria BELLEZA di una FOTO in bianco e nero o a colori

 

E crediamo che ognuno di noi abbia la sua FOTO dell’ANIMA.

Ecco! Il terzo occhio  dei bambini si rivela agli adulti  : LA MACCHINA FOTOGRAFICA

                                                        

 

 

La macchina fotografica , un magico e “misterioso” strumento che può fungere da LENTE D’INGRADIMENTO sul MONDO.

                                                      

 

Uno strumento accattivante e sofisticato per:

  • indagare e reinterpretare la realtà
  • per SCOPRIRE e SCOPRIRSI
  • per acquisire CONSAPEVOLEZZA ( fruitori attivi e creativi )
  • per mostrarsi e mettersi in GIOCO

 

perché la FOTOGRAFIA è in grado di PARLARE, è una forma d’ARTE sorprendente in grado di comunicare e arrivare a diverse culture e linguaggi e a chi con altri linguaggi è più in difficoltà.

La fotografia che INCLUDE, AGGREGA e NON DIVIDE.

Ma affinchè una foto trasmetta con potenza la voglia di comunicare, il bravo fotografo deve possedere SENSIBILITA’, e i bambini sono “portatori sani” di questo delicato sentimento.

 

Nei racconti dei genitori , soprattutto all’inizio del nostro percorso di conoscenza , emerge il desiderio che i bambini, in questo luogo da loro scelto affinchè il proprio figlio o figlia posso esperire alla vita , trovino : gioia, serenità, attenzione, gioco, accoglienza, entusiasmo, "passione per" e fuducia.

Siamo certe che saranno proprio loro a portarli a casa questi ingredienti, perché la FOTOGRAFIA ci permeterrà di curiosare, di spostarci, di muoverci soprattutto con la mente , con quella LIBERTA’ di pensiero alla quale dobbiamo ambire.

Scopriremo che ogni cosa merita di essere fotografata,  che quel secondo di scatto non tornerà più, che ciò che  conterà di più sarà  IL PUNTO DI VISTA , l’EMOZIONE che avremo saputo metterci in quello scatto , in quel TEMPO DI POSA, che sarà diventato già storia.

                                          

 

Torneremo ad ammirare una bella stampa: la FOTO su carta stampata e non solo vista attraverso uno schermo piatto e artefatto.

La FOTOGRAFIA che ci permetterà di CONDIVIDERE, di  INCONTRARCI , di COMMENTARE di STARE INSIEME proprio passandoci la stampa tra le mani.

Ritroveremo la FOTOGRAFIA nel GIOCO DEL TEATRO : IL TEATRO con le sue tante scene divise a FOTOGRAMMI che messe tutte insieme realizzano un grande storia , un racconto che parla di noi attraverso l’nterpretazione di infiniti ruoli e personaggi

Riscopriremo la musica che accompagna ogni tempo di posa della nostra vita : le emozioni prodotte dalla musica aumentano il senso delle immagini nella fotografia .

 

                      LA FOTO :      ricordi che danno vita a sentimenti diversi per ciascuno di noi

 

                     La MUSICA :   ritoviamo quei ricordi e viviamo nuove emozioni

 

E GIOCHEREMO con le fotografie come RACCONTASTORIE , ispirandoci a Loredana De Pace che ci suggerisce nel suo diario di riflessioni fotografiche che può esistere :

  • una Fotografia felice

 

  • una Fotografia buona
  • la Fotografia e la bellezza 

  • una Fotografia di tutti i giorni
  • una Fotografia silenziosa
  • una Fotografia triste
  • una Fotografia condivisa

  • I selfie
  • una fotografia inutile

 

Siamo pronti , ora è  TEMPO DI POSA, perché sia già storia quel qualcosa !         

   

                                      

 

                                   

 

                            

                                          

                                            

                                        

 

 

 

 

 

                                           

                            

 

                          

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                 


 

 

 

Attività

 

mappa